FATE LARGO AI SOGNATORI

CHIARI WEEK - Estratto da pagina 5

La Microeditoria torna dall;8 al 10 novembre in Villa Mazzotti Fate largo ai sognatori! TUTTI INSIEME Da sinistra Dario Lazzaroni, presidente di Cogeme Spa, Alberto Albertini presidente di Rinascimento culturale, Paolo Festa, presidente dell'associazione «L'Impronta», Anna Giunchi, curatrice della sezione digitale. Elisa Consolandi, referente di stArt projcet, Daniela Mena, direttore artistico della rassegna, Chiara Facchetti, assessore alla Cultura del Comune di Chiari, Leonardo Binda, assessore alla Cultura del Comune di Orzinuovi, Fabio Bazzoli, direttore del Sistema bibliotecario Sud Ovest Bresciano, Nini Ferrari consigliera di Parità della Provincia di Brescia, Luigi Filippeli di MalEdizioni e curatore della Microeditoria del fumetto e Patrizia Gritti dirigente scolastica dell'istituto comprensivo di Chiari CHIARI (gfd) Fate largo ai sognatori! La Microeditoria sta per tornare e si prospetta più ricca che mai. Il programma della diciassettesima edizione è stato presentato martedì mattina nella sala Repossi del Comune. Ad aprire le danze dei discorsi, tra numerosissimi ospiti in rappresentanza di una fìtta rete di collaborazioni, è stato il «padrone di casa», il sindaco Massimo Vizzardi. «È importante per noi esserci ogni anno - ha ribadito il primo cittadino - La Microeditoria non è qualcosa di proprietà del Comune, ma risorsa di tutti. Ed è questa la sua forza: il non essere un territorio chiuso, ma aperto alle energie dei paesi vicini e di quelli più lontani, perché la Microeditoria, lo si può dire ad alta voce, è ormai una rassegna nazionale a tutti gli effetti. Quello che deve fare il Comune è esserle vicino. Questa manifestazione ci insegna quanto ancora oggi è importante sognare, cercare di realizzare i propri sogni e puntare in alto». L'appuntamento con la rassegna dedicata all'editoria indipendente è in calendario dall'8 al 10 novembre nella splendida cornice di Villa Mazzotti. Promossa dall'associazione culturale «L'Impronta» in collaborazione con il Comune, patrocinata da Provincia di Brescia e Consigliera di Parità della Provincia con il sostegno di circuito Claps e Ministero dei beni Culturali e la partecipazione di Philosophy for Children, Rinascimento Culturale e Movimento Nonviolento, la diciassettesima edizione è pronta a sbarcare sulla Luna, tema centrale della manifestazione proprio in occasione del cinquantesimo anno del primo passo dell'uomo sul satellite. Per tre giorni infatti, 80 piccoli editori, insieme a grandi personalità del mondo contemporaneo, mostreranno ancora una volta a un variegato pubblico che se si può sognare... si può fare! «Diciassette anni di Microeditoria sono un bel traguardo - ha espresso soddisfatta la direttrice artistica Daniela Mena - Sono cambiate tante proposte che un tempo non avevamo nemmeno immaginato e abbiamo cercato di rinnovarci ogni anno: basti pensare che da 40 editori nel 2003 in poco tempo siamo più che raddoppiati, resistendo anche ad anni di crisi profonda. E non solo. Anche il termine "Microeditoria", che oggi identifica non soltanto i piccolissimi editori ma anche buona parte dell'editoria indipendente, è partito da qui». Crassissime sono le novità in serbo: dai momenti più istituzionali come il Forum dei cittadini, in programma sabato mattina alle 10, dedicato ad un'Europa più verde e sostenibile con Elvio Bertoletti, vice presidente di Fondazione Cogeme onlus, Lucio Lorenzi di Legambien-te Brescia, Vittorina Ferrari, dirigente dell'istituto Einaudi di Chiari e Bruno Marasà, esperto di politica europea (in un incontro promosso dall'Ufficio a Milano del Parlamento Europeo con la collaborazione di Fondazione Cogeme) o come l'incontro Pianura Sostenibile, ossia come inserire la sostenibilità nella pianificazione urbanistica delle nostre città con Gabriele Archetti, Francesco Mazzetti e Anna Richiede!. Ci saranno anche eventi più toccanti come l'omaggio ad Aldo Capitini (fondatore della marcia per la pace), domenica alle 10, in collaborazione con il Tavolo della Pace Franciacorta Monfortano e Movimento Nonviolento e il ricordo dell'anarchico Pi-nelli (nel cinquantesimo anno dalla scomparsa) con l'intervento della figlia Claudia Pinelli a partire dal libro «Una storia quasi soltanto mia». Inoltre anche quest'anno, sabato alle 17.30, la Microeditoria, ospiterà il convegno Adei (associazione dei piccoli editori) per fare il punto sui progetti e lo stato di fatto anche alla luce dell'approvazione alla Camera del disegno di legge per la lettura, con la presenza del presidente dell'associazione Marco Zapparoli e la consigliera Anita Molino. «La Microeditoria è un insieme di realtà che collaborano in un progetto condiviso: il territorio, le istituzioni, le realtà culturali, le associazioni gli istituti scolastici - ha infine aggiunto Paolo Festa, presidente de "L'Impronta" - Il tema di quest'anno è: fate largo ai sognatori e dico che se sogniamo da soli realizziamo di meno. Per quello che mi piace l'idea di un sogno condiviso. Una forza della ragione che si sostituisce alle ragioni della forza, è essere insieme a sostenere che gli elementi che danno forza alla ragione ci rendono tutti più belli e più ricchi». Il premio Microeditoria di qualità Immancabile il Premio Microeditoria di qualità, giunto alla sua decima edizione, in collaborazione con il Sistema Bibliotecario Sud Ovest Bresciano e in programma per sabato alle 13. Il concorso, organizzato con l'associazione «L'Impronta» ha l'obiettivo di selezionare e premiare le migliori pubblicazioni dei piccoli editori italiani, per aiutare in definitiva i lettori ad individuare i migliori prodotti editoriali fuori dal circuito mainstream. In totale sono stati 104 libri in concorso per un totale di 610 copie distribuite nelle biblioteche della Rete Bibliotecaria Bresciana. Tre le categorie (narrativa, saggistica, bambini e ragazzi) all'interno delle quali verranno scelte le migliori proposte che si aggiudicheranno il «bollino di qualità» ed entreranno a far parte dell'albo d'oro. Anche i ragazzi al centro dell'attenzione della Microeditoria tra momenti di riflessione, come quello di «Adolescenza 0» con la psicoanalista Laura Pigozzi e la presidente dell'associazione Montessori Brescia Rosa Giudetti, o con il giornalista Alex Corlazzoli che darà consigli concreti ai genitori su come far amare la scuola ai figli. Da non dimenticare nemmeno il laboratorio pratico-filosofico organizzato da «Philosophy for Chil-dren"», il sabato mattina, dedicato alle scuole. Gi ospiti Tanti i «big» attesi a Chiari: ci sarà Marino Bartoletti, giornalista e scrittore del libro per bambini «La squadra dei sogni» insieme a Massimo De Paoli, Antonio Caprarica e Gian Antonio Stella. Attesa anche per l'incontro con Luisa Corna e Annalisa Minetti (insieme al Coro di Novara) per presentare il libro «Tofu e la magia dell'arcobaleno», ma anche per l'ultimo lavoro di Carlo Gabardini, attore, comico, scrittore e conduttore radiofonico italiano a Chiari con «Churchill il vizio della democrazia». Si riderà con Paolo Hendel e il suo «La giovinezza è sopravvalutata - manifesto per una vecchiaia felice» e ci saranno anche Alessandro Zaccuri che accompagnerà in una preziosa riflessione intorno ai nomi e soprattutto al più ricco di mistero: Maria. Massimo Coppola invece, autore televisivo, editore, regista, sceneggiatore, conduttore televisivo sarà intervistato da Anna Giunchi domenica alle 16 a partire dal suo libro «Un Piccolo buio». A Moni Ovadia con il suo «Canto di un ebreo errante» è invece affidato il compito di chiudere la diciassettesima, domenica alle 18.30. La cultura digitale Non mancano gli appuntamenti legati mondo digitale: una sala di Villa Mazzotti è stata dedicata a Giorgio Giunchi clarense d'adozione e «cuore propulsivo della cultura di internet in Italia» proprio all'interno della Microeditoria) . La sezione è curata dalla figlia Anna e vedrà tra le tante iniziative l'incontro dedicato all'insegnamento della tecnologia e dell'informatica in Italia (con problemi e sfide) con Valeria Cagnina, classe 2001, tra le cento donne più influenti nel digitale. Federica Gisonna